Forse non è un problema di capre e di cavoli

Lorenzo Matteoli

13 Maggio, 2013

 

Nota: con riferimento all’articolo di Gianni Pardo “La capra  i cavoli e Italia

 Il debito del Giappone è del 230% del PIL. Il PIL Giapponese non cresce da 15 anni a questa parte.  Nessuno si permette di evocare una possibile bancarotta del Giappone o un suo possibile default. Il debito italiano è del 130 % del PIL e il nostro PIL non cresce dal 2007: meno di sei anni. L’ipotesi della bancarotta dell’Italia e del default è invece una ipotesi corrente e proposta con incredibile disinvoltura o con pesante pessimismo. Un’altra delle letali immagini che ci impediscono di recuperare la realtà.  Ovviamente si dirà che Giappone e Italia hanno poco in comune come storia, cultura, struttura industriale, economia e antropologia. Ma i numeri sono quelli e le valutazioni sono quelle.

Le basi teoriche dell’austerità e del rigore che indicavano nel 90% del PIL il limite invalicabile del debito pubblico pena la catastrofe sono state recentemente smantellate e il Giappone è la dimostrazione concreta della loro inconsistenza. Forse ci avrebbero dovuto pensare Carmen Reinhard e Ken Rogoff, quando hanno scritto il loro saggio sbagliato Growth  in a time of Debt.

Con il che non è opportuno incoraggiare all’aumento del debito e allo scialo: al contrario è urgente e necessaria una strategia di radicale taglio degli sprechi, dei privilegi fiscali e delle clientele parassitarie  che si sono incrostate sul sistema italiano negli ultimi quaranta anni di finanza demagogica e irresponsabile di tutti i governi con solida continuità da sinistra a destra e ritorno. Deve essere disegnata, inventata, una strategia di uscita dal ciclo perverso dell’indebitamento. Questa non può dipendere dall’aumento della pressione fiscale che soffoca il ciclo virtuoso del denaro e deve essere disegnata al di fuori delle categorie che hanno a suo tempo innescato quel ciclo perverso. Si tratta di “un’altra macroeconomia”. Non sono i vecchi strumenti del monetarismo classico che risolveranno il problema, non sono né Keynes, né Taylor, né Adam Smith o Ricardo e tantomeno Karl Marx. Si può fare questa affermazione anche senza essere abilitati economisti: questi strumenti hanno già ampiamente dimostrato di essere inefficaci negli ultimi 5 anni ed è inutile insistere. La crisi è iniziata  prima della globalizzazione delle dinamiche di scambio finanziario, queste dinamiche l’hanno aggravata e accelerata ed è nella revisione, nel controllo o nel superamento di queste dinamiche che si deve trovare una via risolvente.

Sono strumenti nuovi e diversi quindi.

Ecco il nodo: la moneta unica senza governo politico Europeo impedisce la ricerca di qualunque strumento diverso o nuovo e obbliga all’immobilità o a insistere con strumenti  dimostratisi inefficaci. Riconoscere che l’enorme debito va risolto in venti o trenta anni, riconoscere che il debito non è la condizione unica e determinante della crisi, riconoscere che non è la soffocante pressione fiscale che lo può risolvere, riconoscere che l’enorme debito è una caratteristica delle politiche amministrative di molti Paesi degli ultimi quaranta anni (Germania, Francia, Inghilterra, Giappone, Stati Uniti), riconoscere che è in “un’altra macroeconomia” che si deve operare, sarebbero già passi avanti verso l’apertura di spazi diversi nei quali cercare la soluzione.

Una cosa è relativamente sicura: qualunque sia la soluzione che verrà trovata o che si imporrà, i prossimi venti o trent’anni saranno profondamente diversi come qualità di vita dai precedenti e sarà bene iniziare la profonda riflessione per la transizione e l’adattamento.

Forse è una barca con solidi portelli di separazione, forse sono due barche una al traino dell’altra, forse non è vero che si deve attraversare il fiume.

Forse non è un problema di capre, lupi e cavoli.

 

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Forse non è un problema di capre e di cavoli

  1. alberto bottari ha detto:

    In cerca di scenari e stimoli alla riflessione, suggerirei la lettura di “Un mondo ottagonale”, di johan galtung ( https://serenoregis.org/2013/05/10/un-mono-ottagonale-johan-galtung/ )

  2. Its appropriate time to make some plans for the future and its time to be happy. I have read this post and if I could I want to suggest you few interesting things or tips. Maybe you can write next articles referring to this article. I want to read more things about it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...