Questi non rappresentano il Paese

Unknown

Ovvero 15 + 30 non fa 100

Deve essere chiaro: una coalizione che non è in grado di esprimere un progetto politico, ma riesce a malapena a stilare un “contratto”, privo di τέλος  sistemico e culturale, non rappresenta il Paese.

Un governo di coalizione tra due partiti che mettono insieme una risicata maggioranza e che sono ideologicamente, culturalmente e antropologicamente non solo diversi, ma antagonisti, non rappresenta il Paese.

Due vicepriministri che decidono e votano con una cultura economica e sociale puerile decreti abborracciati, senza senso pieni di contraddizioni e di presunzioni assurde, non rappresentano il Paese.

Vicepriministri e ministri che dichiarano sciocchezze inconsulte provocando costi miliardari sulla collocazione del debito pubblico sui mercati finanziari, non rappresentano il Paese.

Giovanni Guareschi per una innocente vignetta su Luigi Einaudi andò in galera.

I referenti culturali e politici dei due partiti della coalizione aggrediscono il Presidente della Repubblica con insulti volgari sono a piede libero e il ritardo nell’intervento d’ufficio della nostra magistratura è impudico.

Il ministro dell’economia dichiara pubblicamente il falso sui costi della Torino-Lione, la Ministra della Sanità si esprime  sui vaccini con una cultura da stregoneria medievale, con conseguenze tragiche sulla morbilità epidemica futura potenziale, il  ministro dello sviluppo economico e ministro del lavoro e delle politiche socialicrede di bloccare il precariato nel lavoro e uccide la flessibilità. Investitori e imprese lasciano l’Italia come immediata conseguenza.

Nela tradizione italiana della politica come strumento per occupare il potere per il potere non si è mai raggiunto un livello più basso e più volgare.

L’Italia pagherà carissimo questo momento buio e assurdo.

Ma la responsabilità non è solo delle figure che si sono insediate al governo con una motivazione grettamente contabile e sostanzialmente vuota.

Dietro le assurde dichiarazioni di ministri ignoranti e di capipartito infarciti di sciocca demagogia ci siamo noi, tutti noi. Un giorno qualcuno ce lo ricorderà.

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Questi non rappresentano il Paese

  1. Antonio Casella ha detto:

    D’accordo al cento per cento con questo commento giustammente esasperato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...