L’analisi costi benefici per la TAV

copertina-si-tav
I nuovi quarantamila in piazza Castello a Torino 10 novembre 2018 SìTAV

 

Sono curioso di vedere  il prodotto della commissione del prof. Ponti sull’analisi costi benefici per la TAV, un’opera  di infrastruttura che durerà forse un secolo in condizioni Italiane, Europee e mondiali impossibili da modellare anche nel modo più vago. Come si possano ipotizzare le condizioni geopolitiche che condizioneranno l’economia della mobilità in Europa fra 60, 70, 80 anni per me è veramente un mistero.

È interessante fare un esercizio molto semplice: chiedersi se sarebbero state costruite alcune grandi opere se fosse stata fatta una analisi costi benefici al tempo della loro concezione/decisione.

L’Autostrada del Sole (1956-1964), il Traforo Ferroviario del Frejus (1857-1871), Tunnel stradale del Frejus (1974-1980), Ponte Golden Gate a San Francisco (1933-1937), Stazione Ferroviaria di Porta Nuova a Torino (1861-1864)…nessuna di queste opere sarebbe stata costruita perché le condizioni per il loro successo economico vennero realizzate proprio e solo con la loro costruzione. Prima non c’erano passeggeri, non c’erano treni, non c’era domanda … niente benefici niente ponte, niente tunnel, niente stazione.

Banale regola che vale per tutte le grandi opere di infrastruttura che una volta realizzate modificano radicalmente le condizioni geografiche del contesto nel quale sono inserite e che  con loro costruzione innescheranno, in quel contesto, le condizioni di probabile vantaggio economico e quindi del loro ritorno socioeconomico.

L’analisi costi benefici serve per valutare investimenti di relativo breve termine  (10-15 anni) in un contesto geografico economico già solidamente insediato integrando il quale l’opera realizzerà profitti modellabili e configurabili con relativa certezza. Per grandi opere di infrastruttura l’analisi costi benefici è impossibile e si presta  sempre a strumentalizzazioni ai limiti della truffa ideologica.

La ridicola fiducia dei nostri bamboli governativi nella “verità” dell’analisi costi benefici è patetica e la credulità dei loro fedeli seguaci è paragonabile a quella degli adoratori di madonnine lacrimanti e del sangue liquefatto di San Gennaro.

Il professor Ponti prepari pure la sua analisi C&B: basteranno 5 minuti per smontarne le premesse e le conclusioni e andrà bene se riuscirà a salvarsi dall’accusa di manipolazione, perché è sicuro che le sue ipotesi preliminari saranno ariose.

Invece l’affermazione che il trasporto su ferro ad alta velocità in Europa servirà all’80%-90% tutta la domanda di mobilità sulle distanze fra 600 e 800 km  è già solidamente documentata dai fatti.  Esattamente come è successo in Giappone e in Cina. Fine della discussione.
(lorenzo matteoli)

 

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’analisi costi benefici per la TAV

  1. bognetti giuseppe ha detto:

    Caro Lorenzo, il tuo articolo è splendido! Complimenti. Recentemente un politico americano ha detto che se avessero applicato l’analisi costi benefici non avrebbero costruito l’Erie canal che come è noto assieme all’eccellente sistema portuale ha consentito a New York di diventare il centro commerciale e finanziario più importante negli Usa

  2. Lorenzo Matteoli ha detto:

    l’analisi costi benefici su una infrastruttura ferroviaria della durata di 80-100 anni e più è come guardare con un costosissimo cannocchiale nella nebbia fitta per cercare una realtà che ti è già passata sotto il culo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...