Inseguire il cretinismo ideologico a tutti i costi.

images

Ecco dal sito dell’Istituto Bruno Leoni una nota su un disegno di legge attualmente in discussione e alla Camera. Secondo i presentatori grillini si tratta di “una grande rivoluzione” (testuale), ecco invece la realtà.
Ci si chiede quali interessi personali e particolari si nascondano dietro questa iniziativa, perché non ci sono altre spiegazioni.

Della serie: “…dei fatti non glie ne importa un cazzo…”

Inseguire il dettato ideologico a costo della assoluta imbecillità.
(lorenzo matteoli)

Il disegno di legge sull’acqua pubblica, attualmente in discussione alla Camera interviene su tre aspetti: i) anticipa la scadenza delle concessioni esistenti; ii) impone che dal 2020 i soggetti gestori del servizio debbano essere enti pubblici; iii) sposta i poteri in materia di tariffe dall’Autorità per l’energia al Ministero dell’Ambiente. Secondo Melella e Stagnaro, “Complessivamente circa 41 milioni di italiani (il 68,7 per cento) sono serviti da gestori interamente pubblici, mentre il restante 31,3 per cento (18,7 milioni) ricevono il servizio da soggetti che hanno la partecipazione di capitali privati ma per la maggior parte rimangono a controllo pubblico. Solo il 5 per cento degli italiani hanno gestori a controllo privato”.

 

In compenso, la pubblicizzazione del settore comporterebbe indennizzi una tantum stimati in 8,7-10,6 miliardi di euro, a cui si aggiungerebbero oltre 3 miliardi di euro per il rimborso del debito finanziario a carico degli enti locali e circa 2 miliardi (espressi come valore attualizzato) per i mancati introiti da canoni di concessione. Non solo: “se la riforma fosse approvata, i gestori del servizio sarebbero riclassificati ai fini statistici all’interno del perimetro pubblico. In tal caso, i rispettivi debiti andrebbero consolidati nel bilancio degli enti controllanti”. Si tratta di circa 17 miliardi di euro, a cui si aggiunge un fabbisogno annuo di 2-4 miliardi di euro per i nuovi investimenti. Infine, il ritorno della politica tariffaria al Governo “metterebbe a repentaglio la capacità delle imprese di raccogliere le risorse richieste dagli investimenti necessari. Tale modifica verrebbe introdotta proprio nel momento in cui gli investimenti sono tornati a crescere”. Il fabbisogno di investimenti riguarda soprattutto la depurazione, ancora insufficiente o inadeguata per il 15 per cento della capacità e il 21,5 per cento del carico trattato.

 Il Briefing Paper “L’acqua è già pubblica! Perché la proposta di legge sull’acqua fa male agli investimenti e all’ambiente” di Cosimo Melella e Carlo Stagnaro è liberamente disponibile qui (PDF).

Ci si chiede quali interessi personali e particolari si nascondano dietro questa iniziativa, perché non ci sono altre spiegazioni.

Della serie: “…dei fatti non glie ne importa un cazzo…”

Inseguire il dettato ideologico a costo della assoluta imbecillità, tanto paghiamo noi.
(lorenzo matteoli)

 

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...