Il governo dei boy scout

Boy Scouts Welcoming Girls

 Giancarlo Giorgetti, numero due della Lega, denuncia i minibot  e il loro “inventore” Claudio Borghi economista approssimativo d’assalto della Lega. La mossa di Giorgetti è ovviamente dettata dalla necessità di mettersi in linea per diventare “commissario” alla Commissione Europea: l’appoggio a una misura chiaramente antieuropea, strampalata oltreché pericolosa per la stabilità della moneta unica europea e strumento esplicito di aumento del debito pubblico italiano già fuori controllo[1], non sarebbe un buon titolo per la verifica alla quale i Commissari nominati si devono sottoporre.

Anche se strumentale la denuncia di Giorgetti, sicuramente concordata con il suo capo  Salvini, è anche una rottura di fatto del fronte politico della Lega. Quando dovesse diventare effettivamente “commissario” non potrà rimangiarsela. Non si può nemmeno escludere che la mossa di Giorgetti, concordata o meno con Salvini, sia anche una premessa per lo svolgimento di un futuro progetto di scalata alla leadership  della Lega con un ticket meno tracotante e cialtrone. Una ipoteca sulla plausibile futura implosione della popolarità dell’improbabile sbaciucchiatore di rosari.

L’altro socio del contratto di governo, Luigi Dimaio[2], deve controllare un diffuso squagliamento del suo movimento: Fico, non è in sintonia da tempo (se mai lo è stato), il katanghese Di Battista, appartiene alla categoria degli amicimiguardiiddio,  insieme alla Senatrice Paola Nugnes (è lui che si dovrebbe dimettere) e al senatore Gianluigi Paragone rappresentano l’inizio della frana del M5S: nemmeno il collante del potere riesce a tenere insieme le molteplici anime del Movimento. Una volta completata la fase il M5S tornerà alla sua dimensione fisiologica e le diverse anime (populista, liberal, di governo, rivoluzionaria, comunista, di destra, moderata, qualunquista) caglieranno nella dimensione del <7% circa dell’elettorato italiano.

Completano le voci del governo Giuseppe Conte, buffo aleatorio premier prostituito, il ministro delle finanze Tria, e l’inesistente Ministro degli Esteri Moavero: ognuno rappresenta una linea diversa e la somma caotica dello strano coro è quella del l’improbabile caos.

La procedura di infrazione dell’Unione Europea è ineludibile e con questa l’apertura della crisi e, molto probabilmente, le nuove elezioni a settembre/ottobre.

Se si svegliasse l’Altra Italia  questa sarebbe la spettacolare opportunità per mandare a casa il caravanserraglio di arroganti, incompetenti, irresponsabili boy scout che costerà al Paese anni di sudore e sangue.
Wishful thinking?
Certo.

lorenzo matteoli

 

 

[1] I minibot come titoli cartacei denominati in Euro per il pagamento del debito commerciale dello stato in quanto titoli del Tesoro lo trasferiscono automaticamente nel debito sovrano dello Stato (https://wordpress.com/read/feeds/68033038/posts/2319930828)

[2] https://matteolilorenzo.blog/2019/06/22/requiem-per-luigi-dimaio/

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...