LA MISSIONE DI SALVINI A MOSCA

Il “capo”

Cosa va a fare Salvini a Mosca? 

Va a fare altre promesse al “capo” tipo quelle anticipate da Savoini al Metropol il 18 Ottobre 2018: una politica estera italiana filo-Russia, cancellazione delle “sanzioni”, trattati commerciali privilegiati, interventi pesanti su Bruxelles per orientare in modo analogo l’atteggiamento dell’Europa verso la Russia di Putin etc…..”quando sarà Primo Ministro”.

Cioè dal 2023 in poi.

Cosa chiede in cambio? 

Una cosa qualunque che possa essere venduta come “successo negoziale” rispetto alla guerra in Ukraina. Un finto armistizio,  una finta tregua, un finto colloquio fra le parti, Salvini strombazzerà sui talk show italiani per raccattare i voti dei pochi babbei che gli crederanno.

Salvini ha un disperato bisogno di guadagnare i consensi che ha perso con le coglionerie che ha fatto nell’ultimo anno e che gli sono costate il posto di primo partito italiano e primo partito della destra in Italia e deve fare capire a Putin che dopo la catastrofe Ukraina è anche interesse di Putin che Salvini recuperi il posto perduto nelle intenzioni di voto degli italiani.

Ecco la scelta di fronte a Putin: 

  1. perdere un po’ di faccia nel suo “status” di nuovo Czar di tutte le Russie e far guadagnare un po’ di faccia  a Salvini nel panorama elettorale italiano, 
  2. oppure mantenere la sua linea di celodurista a oltranza mandando al macello un’altra decina di migliaia di giovani russi per il suo “Ruskimir” e qualche migliaio di cittadini ukraini (soldati, vecchi, donne e bambini).

Cosa farà?  Semplice: darà a Salvini  un piatto di merda e continuerà a massacrare a decine di migliaia i suoi giovani russi e le migliaia di ukraini civili e non.

Salvini tornerà in Italia vendendo il piatto di merda come prelibato filetto ai ferri su tutti i tokscio che avranno lo stomaco di ospitarlo insieme agli schiavi della propaganda di Putin. Una buona percentuale di Italiani gli crederà come hanno creduto finora a tutte le coglionerie che ha detto e fatto.

Nel 2023 avremo il governo di Salvini che riscontrerà le promesse fatte a Putin: l’anteprima l’ha data il ministro Lavrov alla TV gentilmente offerta da Berlusconi due sere fa.

L’Italia è ufficialmente entrata nella fase  detta della “soumission”.

Lorenzo Matteoli

Informazioni su matteolilorenzo

Architetto, Professore in Pensione (Politecnico di Torino, Tecnologia dell'Architettura), esperto in climatologia urbana ed edilizia, energia/ambiente/economia. Vivo in Australia dal 1993
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...