Il ballo degli zanzoni

UN bell’articolo di Alessandro Montani:

L’ambientalismo non è roba da fighetti, ma il mito della coerenza è uno sporco ricatto (Global Strike for Future/4)

Da leggere.

LM

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

L’esercito del denaro dietro il “green movement”

 

Intro di Lorenzo Matteoli

Andrea Ketoff mi segnala questo interessante articolo, da leggere:

Non siamo ingenui, dove il denaro iperfinanziario annusa guadagno e potenzialità  là si butta e manovra. Da questo articolo si ha una buona idea di cosa può scatenare un movimento di opinione come quello che si sta scatenando intorno al  movimento Save the Planet. Quanto sarà sola speculazione e quanto potrà diventare investimento efficace lo sapremo forse presto forse mai. Ma questo non deve scoraggiare: dietro o davanti ad ogni iniziativa capace di muovere milioni di persone ci sarà sempre la speculazione mala o buona che sia. La transizione al Pianeta Pulito ci sarà comunque nei tempi e nei modi che il sapere e la conoscenza consentono con o senza i miliardari “temporibus acti” . Qualcuno ci sarà qualcuno no, se porteranno miliardi per finanziare la transizione  io spero che servano e che possano premiare l’investimento . (LM)

Ecco l’articolo:

September 27, 2019 Pam Barker FINANCIALTyrannyWORLD 0

Climate and the Money Trail

  1. WILLIAM ENGDAHL

Climate. Now who wudda thought. The very mega-corporations and mega-billionaires behind the globalization of the world economy over recent decades, whose pursuit of shareholder value and cost reduction have wreaked so much damage to our environment both in the industrial world and in the under-developed economies of Africa, Asia, Latin America, are the leading backers of the “grassroots” decarbonization movement from Sweden to Germany to the USA and beyond. 

Is it pangs of guilty conscience, or could it be a deeper agenda of the financialization of the very air we breathe and more?

Whatever one may believe about the dangers of CO2 and risks of global warming creating a global catastrophe of 1.5 to 2 degrees Celsius average temperature rise in the next roughly 12 years, it is worth noting who is promoting the current flood of propaganda and climate activism.

Green Finance

Several years before Al Gore and others decided to use a young Swedish school girl to be the poster child for climate action urgency, or in the USA the call of Alexandria Ocasio-Cortez for a complete reorganization of the economy around a Green New Deal, the giants of finance began devising schemes for steering hundreds of billions of future funds to investments in often worthless “climate” companies.

In 2013 after years of careful preparation, a Swedish real estate company, Vasakronan, issued the first corporate “Green Bond.” They were followed by others including Apple, SNCF and the major French bank Credit Agricole. In November 2013 Elon Musk’s problem-riddled Tesla Energy issued the first solar asset-backed security. Today according to something called the Climate Bonds Initiative, more than $500 billion in such Green Bonds are outstanding. The creators of the bond idea state their aim is to win over a major share of the $45 trillion of assets under management globally which have made nominal commitment to invest in “climate friendly” projects.

Bonnie Prince Charles, future UK Monarch, along with the Bank of England and City of London finance have promoted “green financial instruments,” led by Green Bonds, to redirect pension plans and mutual funds towards green projects. A key player in the linking of world financial institutions with the Green Agenda is outgoing Bank of England head Mark Carney. In December 2015, the Bank for International Settlements’ Financial Stability Board (FSB), chaired then by Carney, created the Task Force on Climate-related Financial Disclosure (TCFD), to advise “investors, lenders and insurance about climate related risks.” That was certainly a bizarre focus for world central bankers.

In 2016 the TCFD along with the City of London Corporation and the UK Government initiated the Green Finance Initiative, aiming to channel trillions of dollars to “green” investments. The central bankers of the FSB nominated 31 people to form the TCFD. Chaired by billionaire Michael Bloomberg of the financial wire, it includes key people from JP MorganChase; from BlackRock–one of the world’s biggest asset managers with almost $7 trillion; Barclays Bank; HSBC, the London-Hong Kong bank repeatedly fined for laundering drug and other black funds; Swiss Re, the world’s second largest reinsurance; China’s ICBC bank; Tata Steel, ENI oil, Dow Chemical, mining giant BHP Billington and David Blood of Al Gore’s Generation Investment LLC. In effect it seems the foxes are writing the rules for the new Green Hen House.

Bank of England’s Carney was also a key actor in efforts to make the City of London into the financial center of global Green Finance. The outgoing UK Chancellor of the Exchequer, Philip Hammond, in July 2019 released a White Paper, “Green Finance Strategy: Transforming Finance for a Greener Future.” The paper states, “One of the most influential initiatives to emerge is the Financial Stability Board’s private sector Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD), supported by Mark Carney and chaired by Michael Bloomberg. This has been endorsed by institutions representing $118 trillion of assets globally.” There seems to be a plan here. The plan is the financialization of the entire world economy using fear of an end of world scenario to reach arbitrary aims such as “net-zero greenhouse gas emissions.”

Goldman Sachs Key Actor 

The omnipresent Wall Street bank, Goldman Sachs, which spawned among others ECB outgoing President Mario Draghi and Bank of England head Carney, has just unveiled thefirst global index of top-ranking environmental stocks, done along with the London-based CDP, formerly the Carbon Disclosure Project. The CDP, notably, is financed by investors such as HSBC, JPMorgan Chase, Bank of America, Merrill Lynch, Goldman Sachs, American International Group, and State Street Corp.

The new index, called CDP Environment EW and CDP Eurozone EW, aims to lure investment funds, state pension systems such as the CalPERS (the California Public Employees’ Retirement System) and CalSTRS (the California State Teachers’ Retirement System) with a combined $600+ billion in assets, to invest in their carefully chosen targets. Top rated companies in the index include Alphabet, which owns Google, Microsoft, ING Group, Diageo, Philips, Danone and, conveniently, Goldman Sachs.

Enter Greta, AOC and Co. 

At this point, events take on a cynical turn as we are confronted with wildly popular, heavily promoted climate activists such as Sweden’s Greta Thunberg or New York’s 29-year-old Alexandria Ocasio-Cortez and the Green New Deal. However sincere these activists may be, there is a well-oiled financial machine behind promoting them for gain. 

Greta Thunberg is part of a well-connected network tied to the organization of Al Gore,who is being cynically and professionally marketed and used by such agencies as the UN, the EU Commission and the financial interests behind the present climate agenda. As Canadian researcher and climate activist Cory Morningstar documents in an excellent series of posts, what is at stake is a well-knit network that is tied to US climate investor and enormously wealthy climate profiteer, Al Gore, chairman of Generation Investment group. 

Gore’s partner, ex-Goldman Sachs official David Blood as noted earlier, is a member of the BIS-created TCFD. Greta Thunberg along with her 17-year-old US climate friend, Jamie Margolin, were both listed as “special youth advisor and trustee” of the Swedish We Don’t Have Time NGO, founded by its CEO Ingmar Rentzhog. Rentzhog is a member of Al Gore’s Climate Reality Organization Leaders, and part of the European Climate Policy Task Force. He was trained in March 2017 by Al Gore in Denver, and again in June 2018, in Berlin. Al Gore’s Climate Reality Project is a partner of We Don’t Have Time.

Congresswoman Alexandria Ocasio-Cortez (AOC), who made a huge splash in her first days in the US Congress for unveiling a “Green New Deal” to completely reorganize the US economy at a cost of perhaps $100 trillion, is also not without skilled guidance. AOC has openly admitted that she ran for Congress at the urging of a group called Justice Democrats. She told one interviewer, “I wouldn’t be running if it wasn’t for the support of Justice Democrats and Brand New Congress. Umm, in fact it was it was these organizations, it was JD and it was Brand New Congress as well, that both, that asked me to run in the first place. They’re the ones that called me a year and a half ago…” Now, as Congresswoman, AOC’s advisers include Justice Democrats co-founder, Zack Exley. Exley was an Open Society Fellow and got funds from among others the Open Society Foundations and Ford Foundation to create a predecessor to Justice Democrats to recruit select candidates for office.

The Real Agenda is Economic

The links between the world’s largest financial groups, central banks and global corporations to the current push for a radical climate strategy to abandon the fossil fuel economy in favor of a vague, unexplained Green economy, it seems, is less about genuine concern to make our planet a clean and healthy environment to live. Rather it is an agenda intimately tied to the UN Agenda 2030 for “sustainable” economy, and todeveloping literally trillions of dollars in new wealth for the global banks and financial giants who constitute the real powers that be.

In February 2019 following a speech to the EU Commission in Brussels by Greta Thunberg, then-EU Commission President Jean-Claude Juncker, after gallantly kissing Greta’s hand, appeared to be moved to real action. He told Greta and the press that the EU should spend hundreds of billions of euros combating climate change during the next 10 years. Juncker proposed that between 2021 to 2027, “every fourth euro spent within the EU budget go toward action to mitigate climate change.” What the sly Juncker did not say was that the decision had nothing to do with the young Swedish activist’s plea. It had been made in conjunction with the World Bank a full year before in September 26, 2018 at the One Planet Summit, along with the World Bank, Bloomberg Foundations, the World Economic Forum and others. Juncker had cleverly used the media attention given the young Swede to promote his climate agenda.

On October 17, 2018, days following the EU agreement at the One Planet Summit, Juncker’s EU signed a Memorandum of Understanding with Breakthrough Energy-Europe in which member corporations of Breakthrough Energy-Europe will have preferential access to any funding.

The members of Breakthrough Energy include Virgin Air’s Richard Branson, Bill Gates, Alibaba’s Jack Ma, Facebook’s Mark Zuckerberg, HRH Prince Al-waleed bin Talal, Bridgewater Associates’ Ray Dalio; Julian Robertson of hedge fund giant, Tiger Management; David Rubenstein, founder Carlyle Group; George Soros, Chairman Soros Fund Management LLC; Masayoshi Son, founder Softbank, Japan.

Make no mistake. When the most influential multinational corporations, the world’s largest institutional investors including BlackRock and Goldman Sachs, the UN, the World Bank, the Bank of England and other central banks of the BIS line up behind the financing of a so-called green Agenda, call it Green New Deal or whatever, it is time to look behind the surface of public climate activist campaigns to the actual agenda. The picture that emerges is the attempted financial reorganization of the world economy using climate, something the sun and its energy have orders of magnitude more to do with than mankind ever could—to try to convince us ordinary folk to make untold sacrifice to “save our planet.” 

Back in 2010 the head of Working Group 3 of the UN Intergovernmental Panel on Climate Change, Dr Otmar Edenhofer, told an interviewer, “…one must say clearly that we redistribute de facto the world’s wealth by climate policy. One has to free oneself from the illusion that international climate policy is environmental policy. This has almost nothing to do with environmental policy anymore, with problems such as deforestation or the ozone hole.” Since then the economic policy strategy has become far more developed.

************

Original article

  1. William Engdahlis strategic risk consultant and lecturer, he holds a degree in politics from Princeton University and is a best-selling author on oil and geopolitics, exclusively for the online magazine “New Eastern Outlook.”He is a frequent contributor to Global Research.

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ci sarà un giorno il Pianeta Pulito …ma…

Earth Globe

 

Una delle caratteristiche sconcertanti di questa fase oscura detta della “fine delle ideologie” o, secondo altri,  anche del “sonno della ragione”,  è l’idea che per risolvere i problemi basti gridare lo slogan del momento ( NO-VAX, NO-TAV, NO-TAP, O-NE-STA’, Basta Povertà, NONUKE, NOCO2, Save-The-Planet, NO-TAX, MINIBOT, e via di seguito… ) Onestissime intenzioni (qualche volta) e non si può chiedere alla piazza entusiasta di elaborare  la complessità operativa per implementare lo slogan, le contraddizioni, i pericoli, gli inganni, la fisica impossibilità, la stupidaggine… etc.

Assistere alle corride televisive del c.d. “scienziato” travolto dalle invasate Erinni della presunzione tecnica, medica, macro-finanziaria, geopolitica, è oramai una frustrazione quotidiana per chi professionalmente conosce problemi e iper-problemi e odia la semplificazione da bar sport che viene sparata come certezza incontrovertibile, suprema dal fanatico, facilone, demagogo di turno.

In miei antichi saggetti, e chi vuole li può trovare sul web, ho a suo tempo smontato (proprio con il prof. Battaglia e in un leggendario convegno presieduto dall’Onorevole Giulio Andreotti contro il presidente dell’ENEL in allora Corbellini) la tesi del nucleare dimostrando, conti alla mano, la sua non praticabilità finanziaria (alla luce dei numeri del 1975 al tempo delle 14 centrali di Donat Cattin, per memoria): se le avessimo fatte oggi avremmo un parco di centrali obsolete da de-commissionare e 40 mila miliardi di vecchie lire di debito da pagare …per sempre. Ci salvò il referendum proposto dai Radicali (ero fra i primi firmatari).

Su questo blog e sul mio sito web ho anche smontato la tesi del motore all’idrogeno (fuel cells), con numeri precisi relativi al disastroso rendimento di sistema di quella tecnologia.

Non voglio né posso smontare l’idea di un Pianeta “sostenibile”, pulito, senza combustibili fossili, senza plastica, senza fertilizzanti (basati sul petrolio) e senza pesticidi e senza tutti gli altri veleni “di processo” necessari per produrre ….praticamente tutto: cibo, carta, tessili, acqua potabile, medicinali, ossigeno, idrogeno, acciaio, alluminio, gomma, vetro, titanio, litio etc. etc. etc.

Non voglio né posso, perché un giorno sicuramente ci sarà un Pianeta Salvato, pulito, senza fame, né guerre né miseria. Ma la strada è lunga, difficile, pericolosa.

Va affrontata sapendo, senza faciloneria, e senza dogmi di verità e di certezze impossibili. Almeno per ora.

Milioni di kilometri quadrati di collettori solari, termici o fotovoltaici, milioni di eliche eoliche senza una rete “ospitale”, senza tecnologie di accumulo, non risolvono il problema dell’energia elettrica e le tecnologie di accumulo in grado di garantire qualità ambientale e massa o volume di accumulo consistente, per ora non ci sono. La “sostenibilità” ambientale dei collettori (produzione e decommissionamento) è da provare. Come la sostenibilità delle migliaia (milioni?) di tonnellate di batterie al litio (o peggio al piombo) per accumulare l’energia che arriva quando non serve e che non c’è quando serve.

Oggi sole e vento generano energia elettrica che viene messa in rete costringendo le centrali a gas a lavorare in condizioni antieconomiche disastrose.  I cavi superconduttori a meno 100 Gradi (?) centigradi per trasmettere l’energia elettrica su distanze intercontinentali non ci sono e non è possibile sfruttare il sole dove c’è per mandare energia elettrica nella notte del Pianeta evitando accumuli tecnicamente impossibili.

Le auto e i camion elettrici a batterie inquinano di più di quelli a metano se l’energia elettrica per le batterie viene prodotta in centrali a carbone e il sistema integrato rete elettrica/batterie per auto è di là da venire.

Questi solo alcuni dei luoghi problematici attuali della “transizione” che sarà, nella storia dell’Antropocene, un evento di dimensioni storiche, fisiche, culturali, scientifiche immani e che richiederà la vita di molte generazioni, conquiste scientifiche, stravolgimenti, fisici, culturali, antropologici, geo-economici oggi ancora nemmeno immaginabili. Per non parlare delle guerre, dei morti ammazzati, di fame e di cattiveria.

Avverrà. Sicuramente, ma oggi corre un serio pericolo: la faciloneria del verdismo assatanato e la strana idea che basta gridare uno slogan per raggiungere un risultato.

Con calma e serenamente aspettiamo la prossima rivoluzione: quella del sapere e della conoscenza….e il silenzio delle isteriche Erinni verdi.

Avanti “millennials” entusiasti!  e Grete di tutto il mondo, svegliate i potenti che dormono il “sonno della ragione” ** e non fatevi ingannare.

Lorenzo Matteoli

** che, come è noto, “genera mostri”.

 

 

 

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Fridays for the future

Potito Ruggero

Ruggero Potito

 

Sono stati commoventi i “millennials” venerdì con la loro passione, i cartelli, l’ironia, l’incazzatura scapigliata. Bravi, molto bravi e molto belli.

La mia commozione provocata dall’affetto e dalla sensazione tragica del tradimento e della delusione che molto probabilmente dovranno affrontare, subire, gestire, superare.

La macchina immane del Pianeta per “voltare” e cambiare direzione rispetto alla attuale totale dipendenza dal fossile, dalle materie plastiche, dagli attuali fertilizzanti e pesticidi, e vari altri necessari veleni…. se mai la sterzata verrà iniziata, ci metterà forse 50, forse 100 anni e molto probabilmente di più, con investimenti quasi inconcepibili nelle attuali dimensioni finanziarie e con rivoluzioni politiche, culturali, antropologiche, geografiche, urbane, agricole, tecnologiche che sono difficilmente concepibili, progettabili con gli attuali strumenti e con gli attuali linguaggi di quegli ambiti.

Sui cambiamenti che verranno innescati, e mi chiedo francamente quali potrebbero essere le priorità, qualcuno guadagnerà molti soldi, qualcuno ne perderà molti tanti probabilmente moriranno di fame, sete, guerre, rapine.

La gradualità dei cambiamenti, indispensabile per non provocare tragedie dovrà essere condizionata dai tempi disponibili, e saranno condizioni al limite comunque. Gli strumenti e le alternative necessarie nei 50 anni della fase iniziale e più difficile della transizione oggi sono solo in parte conosciuti.

Forse la prima cosa che deve cambiare è il prezzo delle cose che dovrà rappresentare (contenere) oltre ai tradizionali costi (capitale, lavoro, processi, profitti) anche il loro costo ambientale in tutto o in parte. Il margine così acquisito sarà investito nel “cambiamento”, nella transizione, nel sacrificio necessario.

Questo potrebbe dirigere le scelte, istruire le priorità, consentire di regolare la velocità della transizione.

Sarà un viaggio lungo e non è garantito l’arrivo.

Lorenzo Matteoli

 

PS. e adesso Feltri tdc chi c’è “dietro” al tuo sistema?

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ci dobbiamo vergognare

Salvini e la gnocca

 

Forse è necessario un atteggiamento più severo sui 15 mesi di impero salviniano al Ministero degli Interni/Governo. Ho come l’impressione che l’Italia onesta e decente sia stata “anestetizzata” abbia dormito e non si sia resa conto di cosa stava succedendo, di cosa è successo in quei mesi. È inutile poi chiedersi cosa è successo in Germania al tempo di Hitler o in Italia al tempo di Mussolini quando in Italia al tempo di Salvini sono successe cose orrende e tutti le hanno blandamente considerate “normali”, “sciocchezze”, o peggio le hanno approvate.

Provo a fare un elenco di alcuni dei principali orrori:

  1. È stato papprovato un decreto che “obbliga”, pena multe milionarie, sequestri e galera i capitani delle navi che passano nel Canale di Sicilia a lasciare affogare i naufraghi di gommoni: uomini, donne, bambini.
  2. Approviamo e finanziano campi di stupro in Libia dove sappiamo ed è documentato che uomini, donne e bambini vengono derubati, sfruttati, torturati, stuprati, violentati sistematicamente.
  3. Abbiamo visto e sentito il ministro degli interni (e vice primo ministro) ordinare ai parlamentari di “alzare il culo” e andare in Parlamento a votare (i pieni poteri a lui)
  4. Abbiamo visto e sentito il ministro degli interni (e vice primo ministro) alla televisione pubblica insultare in modo volgare, calunniare e diffamare la Capitana Karola Rakete, i magistrati e la magistratura.

Questi alcuni dei casi più gravi in un continuo di insulti al Capo dello Stato, ai Magistrati, e alla Magistratura, e di comportamenti lascivi, volgari e offensivi della dignità del Parlamento, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e delle Istituzioni della Repubblica.

Nessuna voce ufficiale si è alzata per condannare decreti criminali e criminogeni, offese, calunnie, insulti, abusi di ufficio e ogni altra indegna volgarità del ministro degli interni (e vice primo ministro) in quindici mesi di malgoverno.

I suoi seguaci, accecati fanatici, sul suo incitamento ed esempio hanno moltiplicato per milioni di volte insulti, offese, calunnie, violenza verbale e fisica.

Nessuno ha denunciato, nessuno ha protestato e chi lo ha fatto è stato aggredito e malmenato nelle strade, nelle piazze, sul web, alla radio e alla televisione dal ministro degli interni (e vice primo ministro) e dai suoi sostenitori, senza potersi difendere senza poter ribattere in un turbine di violenza verbale, isterica e ben oltre i limiti della decenza e della dignità.

Milioni di persone invece lo incensano, lo approvano, seguono il suo esempio e hanno creato una atmosfera che fa obbiettivamente paura, che induce in seguaci o servi a comportamenti efferati (pestaggi, violenza fisica e verbale, minacce, isterismi patologici) sempre più diffusi, sempre più violenti, sempre più gravi.

Una situazione della quale ci dovremo vergognare per anni: il danno all’immagine del Paese e della sua cultura civile nel mondo è irrimediabile, senza prezzo, senza riscatto.

Il sonno della ragione ha creato mostri! E quei mostri siamo tutti noi.
Ci si chiede quando si sveglierà l’Italia civile, dignitosa, decente, colta, gentile e ospitale?

Lorenzo Matteoli

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Un’idea di progetto adeguato

 

barchini3
YOU ARE NEEDED YOU ARE WELCOME

Nel 2050 ci saranno 10 milioni di italiani in meno e se il tasso di natalità resta intorno a 2.0 dovremmo accogliere circa 300 mila immigranti all’anno per compensare il calo demografico. Il conto è ovviamente molto più complesso per tenere conto dell’età dei nuovi ospiti della penisola e della loro fertilità per non parlare di tutte le altre complesse variabili dell’algoritmo, ma per il ragionamento grossolano che vorrei svolgere mi interessano gli ordini di grandezza e non le sottigliezze. Qualcun potrebbe dire “meglio pochi che male accompagnati” e direbbe una sciocchezza (anzi due sia per il “pochi” che per il “male accompagnati”) il Paese è una macchina che ha bisogno di gente per funzionare e anche su questo argomento ci sarebbe da discutere, ma le conseguenze di un calo demografico di quella dimensione (17% circa) a causa dell’invecchiamento generale della popolazione sarebbero letali.

Questa premessa per porre un assunto fondamentale: i migranti sono una soluzione e non un problema, ne abbiamo bisogno e questo bisogno è urgente. Non è una invasione di barbari è una sana iniezione di lavoratori a tutti i livelli dei complicati processi che fanno funzionare un paese moderno.

Corollario: chi grida all’emergenza e alla catastrofe dell’Italia invasa dagli africani dice una sciocchezza irresponsabile.

L’emergenza esiste se continuiamo a gestire il problema come abbiamo fatto finora e in particolare negli ultimi 20 mesi di isterico razzismo oscurantista e di menzogne salviniane.

Anche per questo argomento rimando ad altra letteratura: non mi interessa discutere sulle bugie strumentali, sulla ridicola fregnaccia della “difesa dei sacri confini della patria”: discussione da Papeete, mojitos, cubiste e altri cazzoni di mente semplice. Comunque, pericolosi.

Dunque, i migranti vanno accolti: questo è l’ineludibile assunto. E bisognava impostare un progetto consistente 20 anni fa.

Per essere ancora più chiari: respingere, fare annegare, chiudere porti, mettere in galera o in lager guardati da stupratori libici, costringere  i capitani delle barche da pesca e delle navi al crimine orribile di abbandonare naufraghi in mare, condannare a settimane di attesa su navi male attrezzate nel caldo estivo e nel freddo invernale sono operazioni che solo menti bacate possono ritenere soluzione di un problema planetario epocale. Per non dire di peggio….quelli che credono “di difendere i sacri confini della patria” e affogano i naufraghi invocando in modo blasfemo il Cuore Immacolato della Vergine Maria.

Affogo qualche migliaio di migranti (uomini, donne e bambini) e stupro qualche migliaio di donne, o decine di migliaia, e risolvo il problema dei migranti ! Leccando il rosario…Geniale! Bel primato italiano!

E’ orribile per la nostra cultura e civiltà che queste idee e che i comportamenti conseguenti abbiano avuto successo in Italia e siano stati gratificati dal voto di milioni di italiani, il frutto della mala informazione, della demagogia criminale e della ignoranza più grezza: è stato un momento del quale dovremo vergognarci a lungo.

Si tratta di vedere come, con quale progetto, con quale visione temporale, con quale atteggiamento culturale, quadro economico, assistenza sociale, educativa, di formazione, residenziale, integrazione ambientale, etc.

Un progetto per il quale né l’Italia né alcun altro paese in Europa e forse nel mondo ha precedente esperienza, di dimensione pluri-generazionale (30-40 anni) che interessa tutto il territorio italiano e tutta la società italiana. Scuola, Università, Sanità, Lavoro, Trasporti, Infrastrutture, Sindacati, Cultura, Sport e Tempo libero…

Vediamo allora di percorrere rapidamente il come.

Intanto i campi in Libia vanno chiusi immediatamente e le responsabilità delle scelleratezze commesse dovranno essere indagate e giudicate da tribunali internazionali.

Selezionare: con criteri molto più articolati del semplicismo economici/politici vogliamo immigrati onesti, validi, qualificati, potenzialmente qualificabili privilegiando giovani e adolescenti respingendo criminali noti, terroristi, e soggetti socialmente pericolosi secondo griglie consolidate nei criteri di selezione dei soggetti stranieri che chiedono residenza stabile in un nuovo paese. Con criteri di umanità vanno anche applicati criteri medici e di conseguente assistenza.

Non è una operazione semplice né facile, ci vuole personale qualificato, interpreti, azione documentale nei paesi di origine.

Strutture ospitali: vanno predisposte strutture di ospitalità diversificate e distribuite sul territorio per tenere conto delle diverse condizioni degli ospiti: età, lingua, quadro familiare, religione, attitudini, esigenze educative e di formazione di capacità consistenze con il numero previsto di ospiti e del loro background sociale, culturale, etnico etc.

Insegnamento dell’italiano: obbligatorio e diversificato in funzione dell’età e dei profili socio cultuali dei soggetti

Educazione civica: corsi di informazione sulla cultura italiana. Comportamenti civili, tradizioni, leggi e regole di vita sociale.

Integrazione degli islamici problema fondamentale e delicato da gestire con mediatori culturali delle varie sette (Sciiti, Suni, Wahabiti etc.) con chiarezza e con fermezza: in Italia non vige la Sharia.

Formazione: dovranno essere attrezzate scuole di formazione per le diverse età per i diversi background socioculturali, per le diverse specializzazionie mestieri, diffuse sul territorio e gestite dal sistema scolastico italiano ai vari livelli.

Scolarizzazione: i giovani in età scolare dovranno essere inseriti nelle classi coerenti con la loro età e assistiti con opportuno supporto per facilitare l’integrazione rapida nelle classi e nel contesto.

Assistenza sanitaria: tutti gli immigrati dovranno essere assistiti dal sistema sanitario nazionale italiano.

Criteri generali
Si dovrà prevenire la formazione di ghetti e di enclave etniche e religiose, particolare attenzione dovrà essere posta per evitare conflitti interetnici e interreligiosi (Suni /Sciiti/Wahabiti et al), Saranno necessari mediatori culturali arabi, asiatici, mediorientali, africani per facilitare il rapporto degli immigrati con le realtà sociali locali.

L’Arma dei Carabinieri dovrà attrezzarsi per gestire le diverse comunità etniche.

Il ministero della Pubblica Istruzione dovrà attrezzare le opportune strutture (organici) di educazione scolarizzazione e formazione.

Il Progetto generale dovrà avere come obbiettivo l’inserimento positivo nel sociale italiano degli immigrati nell’arco di tre quattro anni dall’arrivo.

Il progetto italiano dovrà essere associato a un più largo progetto Europeo. Sul lungo termine gli immigrati in Italia e in Europa saranno gli operatori del più vasto progetto Europeo di investimenti nel continente africano.

Sul piano internazionale l’Europa dovrà impostare e implementare un piano di investimenti ventennale nei paesi africani alimentatori di emigrazione istituendo una direzione ad hoc a Bruxelles, una Banca Europea per l’Africa e agenzie nelle capitali africane interessate per monitorare le fasi operative del programma.

Per chiudere: Ho rapidamente e molto schematicamente illustrato alcune linee di quello che dovrebbe essere l’approccio al problema dei migranti per far capire quanto sia distante l’attuale visione di grettezza protezionista e modestia provinciale da quello che dovrebbe essere un progetto adeguato di calibro planetario lanciato su una scala temporale di 50 anni.

Nel 2070 o l’Italia avrà una popolazione
con il 35%-40% di italiani oriundi africani
integrati e felici
o…non esisterà.

Lorenzo Matteoli

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Quante mucche nei corridoi

La destrutturazione delle ideologie,
quante mucche nei corridoi,
il capitalismo decente,
la crisi ambientale
diventare seri
Renzi.

 

mucche

Una volta Hasan Ozbekhan[1] la chiamava la fine delle ideologie, ma oggi è più elegante chiamarla destrutturazione delle ideologie. L’interpretazione da Bar Sport l’ha recentemente fornita il Ministro degli Esteri Di Maio che ha detto che non c’è né destra né sinistra. Battuta squisitamente ideologica, ma Di Maio non lo può capire. Ci sono solo problemi che non sono né di sinistra né di destra anche se sempre provocati da una o dall’altra delle due grammatiche. Sono solo le soluzioni che possono essere di sinistra o di destra.

Per fare un esempio attuale:

  1. lasciare annegare i migranti nel Canale di Sicilia, chiudere i porti, dare multe da milioni di euro a chi salva i naufraghi, sequestrare le navi che salvano i naufraghi, organizzare campi di prigionia in Libia dove bloccare i migranti perché possano essere derubati, ricattati, sfruttati, stuprati, torturati da massacratori libici è una soluzione criminale del problema dei migranti.
  2. Impostare accordi con l’Europa, organizzare piani di investimento in Africa, salvare i naufraghi, accogliere e selezionare i migranti, respingere i delinquenti, formare i migranti nell’ambito di una strategia europea calibrata sui prossimi 20/30 anni è una soluzione potenzialmente decente del problema dei migranti.

Dov’è la destra? Dov’è la sinistra?

Perché bisogna accoglierli? Perché l’Europa ne ha bisogno, urgente bisogno. Il Continente Europeo è in un ciclo demografico negativo che durerà per prossimi 40 anni senza migranti stiamo andando a sbattere in una catastrofe da spopolamento. Un continente di vecchi con una minoranza sempre più ristretta di lavoratori: un finale chiaramente insostenibile. Le tendenze demografiche richiedono visione di lungo termine: almeno due generazioni.  Siamo già in ritardo… e li mandiamo via o, peggio, li affoghiamo, i migliori, i più coraggiosi, i più decisi, già pre-selezionati…
Pensare di risolvere il problema, che non è un problema ma una soluzione, affogando i migranti nel Canale di Sicilia, chiudendoli in campi di concentramento i Libia guardati da ladri e stupratori, invocando il Sacro Cuore di Maria Vergine non è solo stupida incompetenza: è criminale.

Far credere che così si possa risolvere il non-problema è ancora peggio: vuol dire spingere il dramma attuale verso una sanguinosa tragedia finale.

Quali sono dunque le priorità? una essenziale e inderogabile: far capire agli italiani e agli europei quale è la vera dimensione del non-problema, che il fenomeno è epocale, che sarà attuale per i prossimi 30/40 anni per l’Europa e per il mondo, non solo per l’Italia. Senza questa comprensione e senza questa informazione continueremo ad avere criminalità politica che invoca il Sacro Cuore di Maria Vergine, affoga i migranti, li deruba, ricatta e li condanna ai campi di stupro libici. E non si rende conto che sono la soluzione e non il problema.

Dov’è la destra? Dov’è la sinistra?

In questo mondo di ideologie destrutturate è difficile dirlo: ci sono diversi percorsi, alcuni criminali, alcuni solo stupidi, alcuni stupidi e criminali, alcuni stupidi criminali e vergognosi, alcuni difficili, alcuni decenti, più o meno costosi, alcuni forse una positiva gestione del fenomeno dei migranti e una soluzione per il problema dell’Europa spopolata. Nessun percorso facile.

Le mucche nel corridoio: sono svariate e di vario carattere e umore. Una muccona enorme e incazzata è quella del problema ambientale, degrado fisico patologico, cambiamento del clima, inquinamento irreversibile, etc.

Anche in questo caso si tratta di un problema immane che richiede per essere risolto una rivoluzione radicale del sistema economico/finanziario.

Il valore dell’ambiente, il suo costo di breve e lungo termine deve essere inserito nell’algoritmo finanziario, macroeconomico e microeconomico. Se abusando dell’ambiente senza riscontrare il suo valore e i suoi costi nelle transazioni e negli scambi, si diventa ricchi, magari spaventosamente ricchi, il problema non verrà mai risolto. Ammesso che ci sia una soluzione.

Una mucchina positiva comincia a spuntare nel corridoio: il capitalismo decente. Il degrado avvelenato del capitalismo finanziario da rapina, ha fatto capire che questo sistema è alla frutta e deve cambiare. Autori come Paul Collier, Mariana Mazzuccato, Lucrezia Reichlin, cominciano a filtrare nel pensiero economico conforme, la diseguaglianza come struttura/condanna della macroeconomia è presente nel dibattito di avanguardia. Riforma fiscale, redistribuzione, reinvestimento degli attivi di bilancio, tassazione fortemente progressiva (altro che tassa piatta) neo-keynesianesimo, economia circolare sono termini che cominciano a far parte della dialettica corrente.

Non esiste politica ambientale in un sistema che non sconta il valore dell’ambiente: la mucchina del capitalismo decente potrebbe associarsi in modo positivo alla muccona della crisi ambientale e alla fine innescare il ciclo virtuoso risolvente.

Questo dibattito è molto esposto alla faciloneria demagogica: di quelli che propongono soluzioni politicamente inapplicabili, ma facili da vendere all’inclito ignorante del Bar Sport, perché laidamente demagogiche.

Diventare seri: questo è il problema scoraggiante. La scuola produce clicking morons, la demagogia razzista esalta la superficialità suicida, il voto universale privilegia il voto della massa di elettori ignoranti e manipolati che a loro volta eleggono politici da spiaggia e mojitos, con i quali poi si identificano in un ciclo perverso di esaltazione dell’incoscienza irresponsabile. La volgarità trionfa. La competenza viene irrisa, conoscere per decidere non è più necessario: si decide sulla base dei sondaggi di opinione. Vincono i cretini. Nessuno verifica.

Quindici mesi di arroganza, berci, insulti sono stati controproducenti, pericolosi, costosi, da vergognarsi. Quindici giorni di ragionevolezza decente hanno conquistato una prima fondamentale svolta nei rapporti con l’Europa. Sallusti dice che il successo della Ministra degli Interni Lucia Lamorgese è la conseguenza dei quindici mesi di arroganza, bugie e insulti.

Come dire che martellarsi un dito è bene perché quando si smette è un sollievo, o che mangiare sale leva la sete perché dopo averlo mangiato si beve. Bravo Sallusti: la necessità di leccare aguzza l’ingegno.

È vero che la differenza fra i due comportamenti ha esaltato l’intelligenza e il buon senso del secondo, ma confondere questo con il concetto di conseguenza logica è come dire che una azione intelligente è la necessaria logica conseguenza di una cazzata.

E, per finire con le mucche nel corridoio, che dire di Matteo Renzi? Renzi deve leggersi bene Curzio Malaparte (Maledetti Toscani) e capire perché i toscani irritano quelli che non sono toscani. Ma su una cosa ha ragione: andare via dal PD è stato un fatto positivo sia per il PD che per Renzi, anche nei modi e nel momento.  Poi vedremo, ma sarei prudente nel fare previsioni di un segno e dell’altro.

Lorenzo Matteoli

 

 

 

 

 

[1] Hasan Özbekhan was born in Turkey in 1921, into a diplomatic family. He studied at the Lycée Chateaubriand in Rome, and then studied Law and Political and Administrative sciences at the Faculte de Droit and the École Libre des Sciences Politiques in Paris, and his graduate studies at the London School of Economics. He undertook his postgraduate work at the University of Cambridge after being elected to the Leverhume Fellowship.

 

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti